Login Form

Login Form

Domenica, 01 Giugno 2014 12:23

Valutazioni a scuola. I limiti delle prove Invalsi

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 “La valutazione è diventata la nuova panacea di un sistema che, a valere dalle enormi possibilità delle nuove tecnologie, tende a estendere il controllo fino all’ultimo studente dell’ultimo paese della penisola e tutto perchè tutti, inquisiti dal sistema di valutazione non possano alzare gli occhi per vedere che il re è nudo”.  Piero Lucisano

Dal 2007 l’ente di ricerca  Invalsi sottopone gli alunni delle scuole italiane a una serie di test a crocette. Queste verifiche, note come prove Invalsi, hanno come fine la valutazione della scuola e dei suoi insegnanti, e non quella dei singoli alunni. Una pratica di verifica che dovrebbe garantire un’alta qualità del nostro sistema formativo, ma che attualmente, secondo molti esperti in sistemi valutativi, presenta molti limiti e criticità. In questa puntata di Terranave ne parliamo con esperti, insegnanti e genitori.

 Ecco il link per ascoltare la puntata:

http://amisnet.org/agenzia/2014/04/03/valutazioni-scuola-limiti-dei-test-invalsi/

Per ascoltare le precedenti puntate:

http://amisnet.org/programmi/terranave/

Per chi vuole ascoltarci in FM, Terranave è trasmessa da:

Radio Flash (Torino, 97.6)  giovedì 15 (replica giovedì 20,00)
Radio Kairos (Bologna, 105,85)  sabato 13,00 (replica giovedì 14,30)
Radio Indygesta (Web Radio)
Radio Onda d’urto (Brescia, Cremona, Piacenza, 99.6) mercoledì 13,30
Radio Ciroma (Cosenza, 105,7) giovedì 17,00
Radio Onde Furlane (Udine e Gorizia) sabato 17,30
Radio Beckwith (Torino) mercoledì 14,30 (in replica domenica 13,30)
Radio Gold (Alessandria)
Radio Popolare Salento (Lecce, Taranto)
Radio Sonar (web radio)

Buon ascolto!

La redazione di Terranave

 p.s.  Terranave ha le orecchie sempre aperte, per proporre la vostra alternativa, per plausi o proteste, potete scrivere a radioterranave@gmail.com. Terranave ama essere ascoltata, per cui se avete un sito, un blog, un paio di casse con cui diffonderla, la redazione ne sarà ben felice.

Letto 1324 volte