Login Form

Login Form

Bridget

Bridget

Si svolgeranno nella sala consigliare del Comune di Montespertoli, dalle 15.00 alle 19.00

GIOVEDì 7 FEBBRAIO: il primo incontro sarà sulla ZOOTECNIA con MARIO GIANNONE, professore di zootecnia con esperienze pratiche di consulenza, che alcuni di voi conoscono. Con lui è già iniziato un percorso per cercare di mettere a fuoco una rotazione che permetta di inserire l'allevamento di maiali bradi, ma si parlerà anche di allevamento bovino, di polli, ovaiole ed altro.
MARTEDì 19 FEBBRAIO: secondo incontro, MIETITREBBIE, piccole o grandi che siano, e MECCANIZZAZIONE. iL Prof MARCO VIERI (meccanica agraria) verrà accompagnato da Giovanni Guglielmini, presidente della coop Raspollino, Grosseto, che ha molta pratica.
Abbiamo il problema di riuscire ad ottenere un prodotto non inquinato da altre varietà, dal momento che spesso ci serve mantenere alcune varietà in purezza, per poi eventualmente miscelarle in un secondo momento.
La prima parte della lezione, si terrà non nella sala del comune ma nella sala della biblioteca o al centro I Lecci (ve lo comunicherò domani) alle 15, per poi trasferirsi eventualmente da Nicola Sansone dove c'è una mietitrebbia. Si parlerà anche di lavorazioni innovative del suolo (ripper particolari, semina su sodo, ecc).
MARTEDì 26 FEBBRAIO: il terzo incontro con EMANUELE BUTI, consulente HACCP ecc, probabilmente affiancato da qualcuno altro esperto di temi repressione frodi. Argomento: MARCHI, ETICHETTE FARINA, PASTA, CARNE ED ALTRO, AUTORIZZAZIONI PER LABORATORI DI VARIO TIPO, ecc
MARTEDì 5 MARZO: il quarto incontro sul tema della MOLITURA con ALESSANDRO PARENTI, ricercatore di meccanica agraria, negli ultimi anni specializzatosi sugli impianti agroalimentari. Sta facendo delle prove con Marco Panchetti e Gianni Paciscopi. E' un'occasione per tutte quelle aziende che si stanno dotando di grandi o piccoli mulini o che già l'hanno ma vogliono approfondire o chiarire alcuni aspetti. Questo incontro si svolgerà in collaborazione con Gianni Paciscopi.

Domenica 24 febbraio 2019 presso la Cascina del Finocchio verde - borgata Bruni 33 - Murazzano CN

siete invitati a partecipare

all'incontro regionale WWOOF Piemonte - Val d'Aosta - Liguria.

Gli incontri regionali hanno come scopo quello di ritrovarsi tra soci per conoscersi, scambiarsi esperienze e progetti.

Inizieremo alle

10.30 del mattino

e finiremo al verso le 18.

Faremo un giro di presentazioni: ognuno racconterà progetti esperienze proposte. Vi invitiamo in particolare a illustrare le iniziative che riguardano la vostra attività nel territorio (progetti, collaborazioni con altre realtà) e fare domande. E' il momento giusto per creare collegamenti e sinergie tra i soci nelle nostre zone, animando e alimentando lo spirito di "fare rete" che caratterizza il movimento WWOOF Italia.

Da ogni incontro WWOOF ripartiamo soddisfatti di aver conosciuto persone che condividono le nostre idee, i nostri problemi, e con più entusiasmo per affrontare i nostri progetti.

Se per qualche motivo non hai ancora rinnovato l'iscrizione, la tua partecipazione all'incontro sarà un'occasione per discutere insieme i motivi o le difficoltà incontrate nell'esperienza WWOOF.

Nel corso del pomeriggio sarà possibile, per chi è interessato, assistere alla

dimostrazione di lavori agricoli con la trazione animale

avendo l'opportunità di seguire la formazione di tre  soci che si sono affidati agli istruttori dell'Associazione Prommata.

Come di consueto, pranzeremo insieme condividendo i prodotti delle nostre terre. Vi preghiamo di portare qualche cosa da mangiare insieme.

Invitiamo anche i wwoofer residenti in Val d'Aosta - Piemonte - Liguria a portare la loro voce di soci insieme a quelli attualmente ospiti degli host regionali.

Per aderire alla giornata, confermare scrivendo a: Remo Giordano agriturismo.louporti@gmail.com

incontro locale WWOOF delle province di Bologna e Modena.

Gli incontri locali hanno come scopo quello di ritrovarsi tra soci per conoscersi, scambiarsi esperienze e progetti.

Inizieremo alle 10.00 e ci saluteremo al verso le 16.00.

Faremo un giro di presentazioni: ognuno racconterà progetti esperienze proposte. Vi invitiamo in particolare a illustrare le iniziative che riguardano la vostra attività nel territorio (progetti, collaborazioni con altre realtà) e fare domande. E' il momento giusto per creare collegamenti e sinergie tra i soci nelle nostre zone, animando e alimentando lo spirito di "fare rete" che caratterizza il movimento WWOOF Italia.

Da ogni incontro WWOOF ripartiamo soddisfatti di aver conosciuto persone che condividono le nostre idee, i nostri problemi, e con più entusiasmo per affrontare i nostri progetti.

Nel corso del pomeriggio parleremo delle attività correnti di WWOOF Italia come il sostegno alla diffusione delle CSA e la partecipazione attiva alla Federazione delle Organizzazioni WWOOF. Ci sarà occasione anche di sentire gli approfondimenti sul progetto della trazione animale.

 

Come di consueto, pranzeremo insieme condividendo i prodotti delle nostre terre. Vi preghiamo di portare qualche cosa da mangiare insieme.

Potete portare inoltre dei vostri prodotti da scambiare o da esporre in un angolo dedicato al mercatino.

Invitiamo a portare la loro voce anche i wwoofer residenti in zona, insieme a quelli attualmente ospiti degli host locali.

Per aderire alla giornata, confermare scrivendo a: Eszter Matolcsi: eszter.matolcsi@wwoof.it

Vi aspettiamo tutti!

Eszter e Fabrizio

Agriturismo Gradizzolo

Via Invernata 2

Monteveglio

CAP 40050

BO

Incontro WWOOF in Friuli Venezia Giulia

Progetto Gaia Terra, Rivignano (UD) – domenica 3 febbraio 2019

 

Presenti:

HOST / SOCI OSPITANTI o “CENTRI EDUCATIVI”

  1. Debora Sbaiz (Progetto Gaia Terra, Rivignano UD) insieme con Damiano, Riccardo e Toni

  2. Gianni Gentilini (Bosco delle Rune, Taipana UD) insieme con Matteo di Monfalcone, sostenitore

  3. Giulia Simonetto (Fattoria di Monte, Frisanco PN)

  4. Luisa Pavan (Bio Az. Ag. Al Orcolat Sbilfat Mazzolini, Arta Terme UD)

  5. Nivio Dalla Pietra e Nilke (Az. Agr. Della Pietra Alfio, Cercivento UD)

  6. Paolo Nitti (Cantina Tavagnacco, Cividale UD)

WWOOFER / SOCI VIAGGIATORI

  1. Gianfranca (coordinamento Zero OGM Veneto)

  2. Omar Busatto con cugino

  3. Sergio (Liguria)

CANDIDATI HOST

  1. Elettra Bizzutto e Angelo (Hacienda la Purisima, Castelnovo del Friuli PN)

  2. Francesca Giorgetti (La scuoletta Montessori, Pagnacco UD)

  3. Gabriele e Barbara (Faedis, UD)

  4. Kaspar Nickles con la famiglia e Robin (Tiere Viere, Moggio Udinese UD)

WWOOF ITALIA

  1. Claudio Pozzi, direttore tecnico, responsabile dei coordinatori, già presidente di WWOOF Italia

  2. Ilaria Corazza (con Maurizio, Cà del Rocolo VR), membro del consiglio direttivo

  3. Isabella Rinaldi (con Eugenio, I Boschi del castagno, Valmorel BL), coordinatrice BL e TV

  4. Martina Tesolin, coordinatrice FVG

  5. Mattia Giovannini, coordinatore VR

  6. Nicoletta Doro (con Andrea, Venezia) – coordinatrice VE, RO, VI, PD

 

L’incontro si è aperto con Debora che ha illustrato il Progetto Gaia Terra comunità intenzionale. https://www.facebook.com/progettogaiaterra/

Temi affrontati:

RETI D’IMPRESA

Dopo un primo giro di presentazioni, il tema inaugurale è stato quello delle RETI D’IMPRESA (vi invitiamo a leggere il documento allegato alla mail redatto dal nostro consulente legale William Di Cicco).

Gianni Gentilini ha raccontato la sua esperienza diretta di rete d’impresa di cui fa parte nel territorio di Taipana. La rete (RETE CONTRATTO) comprende 4 aziende agricole, 2 agriturismi e 2 aziende in ingresso. Lo scopo è la promozione del territorio. Gianni ha messo in evidenza come il lavoro più impegnativo sia quello di relazione tra i vari interlocutori e come i presupposti per una buona collaborazione siano verità, lealtà e garanzia di continuità nel tempo. Anche Kaspar Nickles con la sua azienda è parte di una rete contratto finalizza alla partecipazione ai bandi pubblici.

Le domande che sono sorte sono:

  1. Può la rete d’impresa comprendere enti pubblici come le biblioteche?

  2. Le reti possono essere transfrontaliere?

  3. Le reti contratto possono ricevere contributi pubblici?

A queste domande risponderemo quanto prima grazie al contributo di William Di Cicco, consulente legale di WI. Le risposte saranno pubblicate anche sull’apposita sezione del Forum del sito https://www.wwoof.it/it/forum

MUTUO AIUTO e SOS WWOOF

Andrea ha illustrato le sue esperienze dirette di MUTUO AIUTO presso la signora Gianna Carrer (host, “La casa di Gianna, Zenson di Piave TV) che ha avuto la casa e i terreni inondati dalla piena del Piave dello scorso autunno e Fabio (pastore host Fattoria Bene Comune "La Capra Toc!", Gosaldo vicino Agordo, BL) che vive in un luogo disabitato, alleva le capre e si sta occupando della ricostruzione di alcune parti del paese abbandonato. Entrambi hanno chiesto aiuto in una situazione di emergenza, e lo hanno ricevuto da parte di persone che, in maniera del tutto volontaristica, hanno portato il loro supporto e manodopera.

È stato ricordato che, in caso di necessità, è possibile lanciare un SOS attraverso il sito di WWOOF Italia inviando una mail all’indirizzo info@wwoof.it. Le richieste d’aiuto sono pubblicate in questa sezione: https://www.wwoof.it/it/hosts/richieste-di-aiuto

 

CASI DI DISAGIO RELAZIONALE

Sono poi state narrate alcune esperienze di relazione host-wwoofers che hanno causato situazioni di disagio soprattutto da parte degli host. Questo avviene quando le motivazioni dei wwoofers non sono in armonia con gli intenti del WWOOF e con gli interessi e le attività svolte all’interno dell’azienda/famiglia host. E’ stato dunque sottolineato che è meglio evitare di rispondere alle mail di richieste “a pioggia” (senza intestazione, senza alcun riferimento all’attività specifica dell’host, in cui non si evince una particolare motivazione), di richiedere sempre la copia della tessera di iscrizione a WWOOF Italia e, infine, in caso in cui sorgano forti dubbi rispetto alla specifica situazione, di fare una telefonata ad uno dei referenti dell’associazione (vedi sito web). In generale, tuttavia, le esperienze problematiche sono una parte residuale delle complessive.

Inoltre, soprattutto per quanto concerne le questioni che riguardano la SICUREZZA (si rilegga il regolamento e l’assicurazione al fine di essere consapevoli di quali sono gli ambiti di attività e le coperture assicurative) e i possibili CONTROLLI da parte degli organi preposti (Ispettorato del Lavoro, Guardia di Finanza, Carabinieri ecc.) è fondamentale avere sempre a portata di mano una copia stampata dello Statuto, del Regolamento e della Certificazione, nonché una copia stampata della tessera (che, si ricorda, per i soci ospitanti/centri educativi ha validità per un anno solare (da rinnovare entro il 31 gennaio) mentre per i soci viaggiatori di 365 giorni dal momento dell’iscrizione) al fine di consegnarli agli incaricati al controllo. In caso di ispezione, prima di firmare alcun verbale, è raccomandato di telefonare ad uno dei referenti di WWOOF Italia. https://www.wwoof.it/it/contatti

A tal proposito, si rileggano i vademecum al link https://wwoof.it/it/wi-presentazione/approfondimenti.

 

NUOVA PIATTAFORMA WEB

Una delle questioni che sono emerse da parte degli host è la possibilità di lasciare un feedback riguardo l’esperienza con un socio viaggiatore. Attualmente è possibile farlo attraverso il sito. Una volta fatto l’accesso con i propri dati si segue il percorso “supporto” - “segnalazione problemi fra soci” A questa necessità probabilmente risponderà con altre modalità la nuova piattaforma web di FoWO (Federation of Wwoof Organisations) che raggruppa tutte e 42 le associazioni WWOOF nel mondo (esclusi Francia, Giappone, Australia e Nuova Zelanda che non condividono lo spirito relazionale del movimento WWOOF) più i membri di WWOOF Indipendents (che raggruppa i Paesi più piccoli che non hanno una organizzazione WWOOF interna). Questa nuova piattaforma internazionale consentirà di costruire un’immagine condivisa per l’intero movimento,pur mantenendo nei contenuti spazio per la specificità nazionale. WWOOF Italia sta dando un significativo contributo all’implementazione del progetto.

 

RACCOMANDAZIONI

Dare un’occhiata ogni tanto al sito di WWOOF Italia! E’ stato implementato ed è costantemente aggiornato per renderlo sempre più utile e fruibile agli utenti.

Tra le tante funzioni …..

Mercatino annunci: https://www.wwoof.it/it/mercatino-annunci

Notizie: https://www.wwoof.it/it/bacheca/tutte-le-notizie

Supporto: https://wwoof.it/it/support

Documenti, progetti e molto molto altro!

 

SIAMO TUTTI INVITATI A PARTECIPARE ALL’ASSEMBLEA NAZIONALE DI RISPESCIA IL 9 E 10 MARZO 2019. POSSIBILE ORGANIZZARSI PER IL VIAGGIO CONDIVISO.

Vi è venuto in mente qualche progetto per fare rete tra i soci WWOOF del Friuli? Condividetele! 

Mi trovavo dai miei amici di Antichi Grani in Umbria iscritti cone Host al WWOOF, quando nei primi mesi del 2018 mi è stata ma- nifestata l’intenzione di voler sistemare il piccolo orto dietro casa e realizzare qualche aiuola, ispirandosi alle tecniche di aridocol- tura, una pratica che ho imparato in diverse esperienze WWOOF. L’aridocoltura, come suggerisce il nome stesso, permette di ridur- re la quantità di acqua necesaria per l’irrigazione, anche nei mesi più caldi, attraverso l’utilizzo di biomassa (legno, segatura, canne, potature, e scarti della pulizia del bosco) che in parte si interra e in parte si mette sopra come una pacciamatura.

L’effetto che si crea è una specie di ‘spugna’ che mantiene il suo- lo arieggiato in modo che non si sviluppino marciumi. Inoltre la ’spugna’ garantisce l’assorbimento dell’acqua quando è in ecces- so (per pioggia o irrigazione) e il lento rilascio quando è in difet- to (per esempio nei periodi siccitosi). Queste condizioni ideali di idratazione garantiscono il deperimento della materia organica in modo sano, con la formazione di ife e micorizze cosicchè diventa humus fertile quindi maggior vitalità per suolo e piante.
Grazie al contributo di tutti nei lavori e nella progettazione siamo riusciti a dedicarci per realizzare una decina di aiuole rialzate. Una volta fatti gli scavi e recuperati i materiali necessari, siamo partiti con l’effettiva costruzione. Procedendo lentamente ma costante- mente nell’arco di una manciata di settimane siamo riusciti a finire (ma non rifinire!) riuscendo ad avere conferma, grazie alla pioggia e neve nei successivi giorni, di funzionare alla grande! Infatti in questa zona il terreno è molto argilloso e c’è sempre il problema di non riuscire a trattenere l’acqua che scivola via in su- perficie. Con questo effetto-spugna abbiamo invece da subito no- tato che l’acqua restava lì dove serviva.

Andrea

Con WWOOF ho imparato a:

Vivere in campagna

Mi sono sempre piaciuti gli olivi. Da bambino amavo molto i grandi alberi vecchi ma sentivo dire fossero cattivi. Avevano da essere corti e che si facesse così e così. A me le piante fatte in questo e quel modo però non piacevano: erano tristi, malaticce. Così poi era per tutto:

Che gioia i fiori selvatici - Vedi di dare il diserbo

Belle le siepi - Serve tagliare


Meraviglioso lo stagno - Pompa via quell’acqua marcia!

Da grande, la natura continuava a piacermi e ancora mi chiede- vo se non fosse possibile viverla dignitosamente. Appena scoprii Wwoof Italia diventai subito socio e passai tre anni a viaggiare e studiare, visitando una dozzina di host al centro e nel nord.

Ogni goccia di sudore sembrava una lacrima di gioia, ogni ramo tagliato era un nuovo gradino della scala che stavo salendo. Trovai un mondo diverso, di agricoltura e non industria. Un mondo che gli uomini abitavano vivi e vive pure erano le piante e le bestie che abitavano con loro. E c'erano uomini che potavano gli olivi cer- cando di sentirsi essi stessi olivo ed erano alberi belli e fruttuosi, senza trattori, lauree, industrie e veleni, con le siepi, l'acqua, l'er- ba e la vita. E così era tutto. E così decisi di fare lo stesso. E così ora anche io vivo con degli olivi e ancora studio e viaggio molto. Con tanta pazienza, tanta gioia e tanto lavoro porto avanti il pezzo di terra che ho scelto di abitare.

Francesco

Consiglio e presidenza – Il cerchio ampio e composito dell'assemblea dei soci si concentra nel nucleo operativo del Consiglio quando si tratta di affrontare gestione ordinaria e atti ufficiali. Decisionalità e concretezza al servizio della visione collettiva, verso la realizzazione degli scopi statutari. 

Abbiamo fatto un programma per la giornata seguendo le proposte che ci sono arrivate. 
Vogliamo come al solito lasciare spazio alle presentazioni dei soci Hosts e Wwoofers, dei futuri soci e di tutti coloro che parteciperanno per conoscerci e parlare delle nostre realtà ed esperienze.  
Programma di domenica 2 dicembre 
 Ore 9,30 Arrivo
  - Presentazione dei soci, esperienze e progetti. 
 Nuovi e futuri soci, informazioni e opportunità.  
- Gli ungulati: danni al territorio e alle colture.
- Quale futuro per il "biologico"? Il sistema delle certificazioni, le nostre esigenze e le possibile alternative... 
Sono i temi proposti che cercheremo di approfondire insieme . 
 Ore 13: Pranzo con le buone cose che produciamo 
Musica e ....balli, poesie, stornelli?  Tutto è possibile!  
- Notizie da Wwoof Italia: aggiornamenti sulle attività, incontri e tematiche sulle quali  l'associazione è impegnata.  
 - Passeggiata: un breve percorso per conoscere la bellezza del posto in cui vivono i soci che ci ospitano. 
È possibile allestire sin dalla mattina il mercatino per la vendita o  lo scambio di  verdure, semi, piante e .....
   Riuscite a dirci cosa potete portare per il pranzo? 

Un abbraccio a tutte e tutti 
Bridget e Rosa

 Come Raggiungerci

 Osho Nirvesha Meditation Center, Loc. La Muraglina 77, 57020 Bibbona

Bridget:

Tel: 0565 765001   
Cell: 3290806234



info@wwoof.it

Domenica 11 novembre 2018 splendeva il solo su Pineto (TE, Abruzzo) e il Mercato Itinerante della Terra (MIT). Il MIT è nato dalla voglia e la necessità di 9 piccoli produttori dalla provincia di Teramo di collaborare a far conoscere la loro vita e i lori prodotti al territorio. Il MIT non è solo un punto di vendità, ma anche un posto di dialogo, di imprendimento e di crescità personale. CInque membri del MIT sono host WWOOF e l'associazione WWOOF Italia ha sin dall'inizio dato sostegno al MIT. E questa domenica mattina il MIT ospitava la riunione degli Host WWOOF in Abruzzo. C'era una bella presenza di 15 aziende host WWOOF e in più c'erano presenti delle aziende che sono interessate ad aderirsi. 
Durante la riunione Simona del Borgo degli Gnomi ci ha parlato del MIT, poi ci siamo scambiati delle esperienze nel essere host WWOOF. Tanto bella la frase di Francesca della Fattoria Rural Resilience che spiegava di non poter più viaggiare con le responsabilità dell'azienda e il bambino piccolo: ''Ospitando i WWOOFer mi viene il mondo in casa''. Molto benvenuti erano anche Mario e Fernanda dall'azienda Mario Carini nelle Marche che hanno condiviso le loro esperienze di famiglia, di essere host WWOOF, della cooperativa agricola di cui facevano parte e di una CSA (Communità di Sopporto Agricolo).
Durante il pranzo condiviso la rete fra le diverse persone ha potuto crescere ancora di più. Grazie a tutti i partecipanti e al MIT che ci ha ospitato!
Carla Konsten, coordinatrice WWOOF Abruzzo

WEBMASTER
Sito internet, database, tesseramento e tutte le funzionalità telematiche oggi indispensabili per la vita stessa dell’Associazione, sono gestite e coordinate con professionalità da Alessandro. Le sue competenze tecnologi- che si fondono con l’esperienza di agricoltura, ospitalità WWOOF e coordinamento, che gli hanno consentito di soddisfare le esigenze eterogenee di una realtà complessa qual è WWOOF Italia.

Pagina 1 di 23