Login Form

Login Form

Dal 1 al 4 Marzo 2018 - Assemblea Generale Ordinaria
Muoviamoci pensando all'ambiente. Se vieni in Auto condividi su roadsharing
Lunedì, 12 Gennaio 2015 12:40

Libero scambio di semi

LIBEROSCAMBIO DI SEMI

Domenica 18 GENNAIO 2015, dalle ore 9, presso il suggestivo cantinone del castello di Sorrivoli (nelle colline romagnole), Soffiditerra ripropone il semplice e ricco appuntamento di scambio semi (semi ma anche talee, paste madri, ricette, saperi, progetti…), all'insegna della biodiversità e delle relazioni. 

La giornata si svolgerà in due tempi: la mattina verrà dato spazio ad alcuni interventi inerenti al tema (autoprodursi le sementi, dal seme al maglione, attorno al grano, racconti di esperienze di scambiosemi…), e il pomeriggio ci si potrà scambiare le sementi.

Per tutta la giornata verrà allestito un piccolo spazio bimbi autogestito (chi volesse fare un piccolo laboratorio è il benvenuto).

Quest'anno sarà possibile, inoltre, arrivare a piedi: un gruppo di persone partiranno dalla stazione di Cesena per giungere sino al Castello di Sorrivoli, in tempo per il pranzo.

Per prenotazione (conferma del banchetto semi, prenotazione pranzo, conferma di partecipazione alla camminata) scrivere a info@soffiditerra.it Per informazioni varie 338/1409662 (Elena)

Per chi volesse scambiare, ecco alcuni punti fermi, 

(stesi dalla Rete Semi Rurali, di cui anche Soffiditerra è socia):

autoproduzione. Quanto portato in scambio sia di propria produzione o del gruppo con il quale si lavora, senza alcun utilizzo di chimica di sintesi;

reciprocità. L'atto dello scambio si svolga in termini di reciprocità, assumendoci così l’impegno per la riproduzione;

modiche quantità. Le quantità di ciò che si scambia devono essere ridotte: assumono più valore incentivandone la riproduzione, in loco, ciò ne favorisce la conoscenza delle caratteristiche e delle migliori modalità di coltivazione;

informazioni. Come abbiamo sempre affermato la biodiversità agricola non è rappresentata solo dal materiale da riproduzione ma anche dalla conoscenza a esso associata. Corredare il materiale scambiato con informazioni utili alla sua conoscenza è essenziale per indirizzare al primo utilizzo e per la condivisione di informazioni nell'ambito delle reti di scambio;

pubblico dominio. Il materiale scambiato non è soggetto a alcun tipo di proprietà intellettuale in quanto in pubblico dominio. Non si tratta cioè di varietà iscritte ai cataloghi commerciali e tanto la sua riproduzione quanto il suo scambio in modiche quantità non può in alcun modo essere considerato atto commerciale ma piuttosto un diritto universale esercitato dalle comunità.

Articoli correlati (da tag)