Login Form

Login Form

Venerdì, 29 Marzo 2019 14:10

IN QUESTO MONDO - film dedicato alle donne pastore, la regista Anna Kauber lo racconta

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Mi chiamo Anna Kauber, sono una paesaggista di Parma, esperta in paesaggio agrario. Da anni documento e divulgo la vita e il lavoro nel mondo rurale attraverso il mezzo audiovisivo, occupandomi in particolare di tematiche sociali e culturali della comunità. Con questo fim vogliamo far conoscere - a tutti coloro che, anche grazie al vostro aiuto, lo vedranno - la vita delle donne pastore che ho incontrato come Rosina, che ai "depressi", per guarire suggerisce di prendere in mano il forcone; seguire insieme a voi il pascolo vagante di Maria Pia, che fin dal primo giorno d'incontro ho segretamente chiamato "Sacerdotessa"...

 

e il perché commuovervi ascoltando il violino di Caterina, mentre suona in mezzo al suo gregge sui pascoli alpini e nelle orecchie risuonano i nomi delle deliziose, amatissime pecore e capre Selvaggia, Frau,
Ninna, Rossella, Sofia, Fortuna, Neve, Francesca, nera, Birba, dei cani Amelia, Clara, Sanni, deivitelli Lui e Lei e dell'asino Mena. Richiami così diversi, così affascianti: i rumori del pascolo, il ruminare e lo scalpiccio delle zampe, il vento e l'aria pulita, i cieli e le montagne. Il film è nato dalla ricerca e dalla documentazione della specificità di genere in agricoltura, e quindi sulla particolarità della relazione tra il femminile e la terra.

Oltre ad essere un documento unico ed inedito su un modo femminile di intendere la vita e un mestiere allo stesso tempo antico e contemporaneo, è in grado di parlare con realismo e poesia il
linguaggio universale dei valori intesi soprattutto nel rapporto tra uomo e animale e tra uomo e ambiente naturale.
Dal 2015 al 2017 ho intrapreso un viaggio di attraversamento della nostra Penisola, isole maggiori comprese. Partita dalle Alpi, sulla spina dorsale montuosa degli Appennini fino all'Aspromonte, sono rimasta quasi sempre in quota, sulle Terre Alte: quelle dei pastori.


La mia ricerca riguarda le donne pastore, per indagare la specificità di genere in quella cultura storicamente maschile e di impronta patriarcale. Durante la mia ricerca ho avuto modo di entrare nel mondo pastorale italiano, e di videodocumentare un centinaio di storie individuali di donne, ma anche di gruppi familiari e delle piccole comunità montane; di condividere cibi e memorie, così come lunghe giornate di pascolo quotidiano e di costante cura degli animali, i lavori nella stalla (quando c'era) e la trasformazione dei prodotti. Non tutte hanno trovato posto in fase di montaggio ma ognuna di loro si può riconoscere nel messaggio che siamo riuscite a costruire.


Il film è nato dalla ricerca e dalla documentazione della specificità di genere in agricoltura, e quindi sulla particolarità della relazione tra il femminile e la terra. Oltre ad essere un documento unico ed inedito su un modo femminile di intendere la vita e un mestiere allo stesso tempo antico e contemporaneo, è in grado di parlare con realismo e poesia il linguaggio universale dei valori intesi soprattutto nel rapporto tra uomo e animale e tra uomo e ambiente naturale.

Dal 2015 al 2017 ho intrapreso un viaggio di attraversamento della nostra Penisola, isole maggiori comprese. Partita dalle Alpi, sulla spina dorsale montuosa degli Appennini fino all'Aspromonte, sono rimasta quasi sempre in quota, sulle Terre Alte: quelle dei pastori. La mia ricerca riguarda le donne pastore, per indagare la specificità di genere in quella cultura
storicamente maschile e di impronta patriarcale.

Vi chiedo di aiutarci a diffondere il film perché ci sono molte storie che vanno conosciute. Durante la mia ricerca ho avuto modo di entrare nel mondo pastorale italiano, e di videodocumentare
un centinaio di storie individuali di donne, ma anche di gruppi familiari e delle piccole comunità montane; di condividere cibi e memorie, così come lunghe giornate di pascolo quotidiano e di costante cura degli animali, i lavori nella stalla (quando c'era) e la trasformazione dei prodotti.

Vi ringraziamo di cuore per l'aiuto nel mantenere vivo questo nostro progetto, affinché non si perda la memoria di questo patrimonio, immateriale, unico e prezioso. Tutti insieme possiamo far conoscere al più ampio pubblico l'importante valore che Rosina, Maria Pia, Caterina e molte altre donne pastore ricoprono ogni giorno.

Potete trovare il breve trailer a questo link
Wwoof Italia si propone di organizzare un "gruppo d'accquisto" per facilitare la diffusione del film

per info scrivete a melograno@autistici.org

Letto 287 volte Ultima modifica il Lunedì, 01 Aprile 2019 12:38