Login Form

Login Form

×

ATTENZIONE: In questo elenco vedi gli host che rispecchiano la tua ricerca e puoi farti un'idea degli Host presenti in WWOOF Italia. Il loro nome e i contatti sono visibili esclusivamente ai soci. Aderendo a WWOOF Italia e versando la quota associativa di 35 Euro potrai metterti in contatto con loro e organizzare il tuo viaggio e la tua permanenza presso la fattoria scelta.

Piemonte

Ci troviamo in un paesino di montagna nel Parco delle Alpi Marittime, a 730m.slm. Siamo una giovane famiglia di agricoltori, artigiani e creativi. Amiamo molto la natura e cerchiamo di migliorarci continuamente nel nostro lavoro per imparare e condividere nuove esperienze. Qui si coltiva con metodo biologico patate, segale, pomodori, cipolle, castagne e piccoli frutti sia per autoconsumo che per vendita diretta. I lavori più usuali sono fare legna, raccogliere frutti e ortaggi, essiccazione, curare l'orto, pulire camere, fare le conserve e il pane in un forno di argilla cruda da noi costruito. C'è da accudire anche un piccolo pollaio ad uso famigliare; raccogliamo le uova per fare molti dolci. Tutto quello che serve per costruire una vita autosufficiente. La casa è rustica e grande con ampio portico e giardino. Il cibo è genuino, si consuma insieme quello che si produce, senza sprechi. Il nostro agriturismo è a conduzione famigliare, perciò apprezziamo molto l'aiuto dei volontari, uno o due per volta che ospitiamo nel periodo di apertura, in una stanza con bagno o in tenda (attrezzata con letto e luce) condivise da ambo i sessi. Siamo circondati da montagne e ampi spazi per immergersi nella natura, piste cicloturistiche e falesie di arrampicata. Viviamo il lavoro come un gioco di squadra, un "mezzo" per restare a contatto con la terra, e un "luogo" di condivisione, scambio e socialità. Chi vuole venire è il benvenuto! Parliamo italiano, bene il francese e un poco di spagnolo e di inglese.
Sono un agricoltore dell'Alta Valsesia, abito in un piccolo paese a 750 m di quota, posto sulle rive del fiume e circondato da prati, boschi e piste ciclabili. Con mia moglie e mia figlia coltivo alberi da frutta, piccoli frutti, patate, fragole e vari ortaggi per uso familiare. Abbiamo un cane, un gatto, due asini e alcune galline. Affitto un alpeggio, con 4 baite in pietra, circondato da larici e pini sotto al Monte Rosa, a 1800 m di quota, dove ci trasferiamo per un mese tra luglio e agosto. Ho bisogno di aiuto da maggio a ottobre per i vari lavori nei campi, orto, pollaio, giardino, taglio e raccolta fieno, sistemazione dell'alpeggio (taglio arbusti, raccolta legna e rami, piccoli scavi per canaline per l'acqua, piccoli lavori di muratura e falegnameria, sistemazione e pulizia delle baite). In alpeggio offriamo una vita molto semplice (per il momento non possiamo ospitare più di un viaggiatore alla volta), completamente immersi nella natura, con una sistemazione spartana (portare sacco a pelo) all'interno delle baite. Cuciniamo direttamente sul fuoco o sulla stufa a legna; prendiamo l'acqua dalla fontana e stiamo predisponendo il bagno a secco all'aperto. Possiamo rifornirci di latte, formaggi e burro fresco dai pastori di altri alpeggi. Prepariamo in casa pane, torte e biscotti, raccogliamo i frutti del sottobosco, facciamo marmellate e cuciniamo prevalentemente vegetariano. Il posto offre un panorama spettacolare, possibilità di passeggiate incantevoli ed escursioni e se volete potete suonare con noi la chitarra e cantare all'aperto al tramonto con la sola compagnia di caprioli, camosci, stambecchi e perfino l'aquila reale. Negli altri periodi stiamo nella casa dove viviamo tutto l'anno e abbiamo i confort di una casa "normale" con giardino, circondata dal bosco, in una piccola frazione tranquilla. Parliamo inglese e un po' francese.
L’azienda agricola è una piccola realtà imprenditoriale di Dogliani, nel cuore delle Langhe piemontesi, area famosa nel mondo per la ricchezza e la qualità dei suoi vini. Una piccola produzione (circa 10-12mila bottiglie l'anno) attenta alle tradizioni e al rispetto della natura, che propone vini genuini e di qualità, in particolare tre diversi tipi di Dogliani Docg (da ogni vigna un vino) e alcuni originali esperimenti a base di una brachetto. Lucia e Silvio ci mettono amore, passione ed energia: "Puntiamo alla qualità e non alla quantità e fondiamo la nostra filosofia sulla salvaguardia della vigna, della sua salute e, di conseguenza, sulla produzione di vini naturali e sani. Scelta difficile ma onesta che in dieci anni ha portato molti apprezzamenti e riconoscimenti". La qualità dei prodotti LeViti è in gran parte il frutto di una scelta di vita orientata alla naturalezza: "Crediamo nell’equilibrio fra tradizione e innovazione. Inoltre siamo convinti che per ottenere un vino di qualità, nel pieno rispetto della natura e della salute, si debba lavorare soprattutto in vigna, intervenendo il minimo indispensabile in cantina. Questo, a nostro avviso, permette di rendere riconoscibili le peculiarità originarie e uniche non solo dei diversi vigneti, ma anche delle singole diverse vigne e che quindi si riflettono nelle caratteristiche dei vini". In vigna e in cantina regnano pulizia e attenzione, ma anche ricerca e confronto. Per trasmettere la propria esperienza e per imparare tecniche diverse. Mettiamo a disposizione il nostro sapere e siamo pronti a confrontarci con metodi e filosofie diversi dalle nostre. Siamo felici di condividere momenti di lavoro, di apprendimento, ma anche di assaggio, di convivialità e di relax con i nuovi amici che verranno a trovarci in cascina.
Il podere è situato sull’altura di San Luigi, con vista sulle dolci e graziose colline di Dogliani e delle Langhe. E’ costituito da 24 ettari di terreno dei quali sette a vigneto. I proprietari, rispettivamente Ursula: agronoma diplomata e Marcello: ingegnere in enologia , negli ultimi venticinque anni hanno realizzato un loro sogno: nella loro cascina producono vino biologico con vendita diretta, curano frutteti, fanno le conserve per l’inverno e molto altro! Tutto questo non sarebbe possibile senza tutti gli aiutanti che danno una mano, soprattutto durante la vendemmia. La cascina per molti è diventata un luogo d’incontro con la natura e gente di ogni età, proveniente da diversi ambienti sociali e diversi luoghi del mondo. Tanti di loro, tornati a casa, apprezzano il loro bicchiere di vino maggiormente, dopo aver osservato la genuinità delle vigne e dopo aver sperimentato il sudore e il duro lavoro necessari per ottenerlo.
L'azienda agricola si trova a Vergne, a pochi chilometri dalla Bassa Langa, patrimonio dell'Unesco. L'azienda agricola ha in dotazione circa 10 ettari di terreno: bosco, orti, tre serre, frutteti e parti di terreni che coltiviamo a grano, mais e grano saraceno. La nostra pratica agricola consiste nell'utilizzo delle tecniche dell'agricoltura biodinamica e biologica. Oltre a questo, l’azienda è inserita in un progetto di ecovillaggio in progress. Siamo un gruppo di 5 famiglie con due bambini più altre persone interessate al progetto di ristrutturazione di una cascina settecentesca a Cherasco. Stiamo utilizzando le tecniche della biodedilizia e dell'autocostruzione. Inoltre, per finanziarci, spesso organizziamo eventi, cene collettive con prodotti locali e bio, corsi di biodinamica e panificazione naturale, cerchi emozionali per donne e anche per gestire le decisioni tra di noi. La casa in cui sarai ospitato è di una coppia che fa parte del progetto, immersa nella campagna. Possiamo ospitare uno o due WWOOFER. E' dotata di cucina condivisa con la famiglia, bagno indipendente. La stanza è condivisa. la giornata tipo può essere: colazione insieme poi Stefano, il responsabile del progetto agricolo, passa a prendere con l'auto il volontario, insieme si recano all'azienda agricola. Si inizia a lavorare, si pranza insieme. Nel pomeriggio il volontario può scegliere se visitare le zone circostanti (visto che siamo vicinissimi alla Bassa Langa), conoscere altre aziende agricole amiche dell'associazione oppure se dare una mano con i lavori alla casa o con l'organizzazione di qualche evento. La sera si prepara insieme la cena e si mangia in famiglia o in condivisione con la comunità oppure si è liberi, come si preferisce. Disponibilità di bicicletta per muoversi e visitare i borghi in Bassa Langa.
La nostra è una micro-azienda agricola piemontese, situata in una borgata a quota 1300 m slm, proprio sotto il Monviso, in una valle marginale e poco abitata dove tante cose appaiono da riorganizzare. I negozi più vicini si trovano a una decina di chilometri dalla struttura e non esistono mezzi pubblici di linea per il collegamento. Con la coltivazione biologica e prevalentemente manuale dei fondi, si producono: ortaggi, patate e piccoli frutti. Dalla primavera all’autunno si pratica la raccolta di erbe e radici spontanee a scopo alimentare. Conviviamo con numerosi animali: capre, oche, tacchini, galline, galli, cani, gatti, eccetera, che hanno la funzione di mantenere vivo e animato il paesaggio, non sono infatti sfruttati per la filiera alimentare ma per la divulgazione etologica e di pratiche etiche e sostenibili. Il bosco d'invasione e i predatori dell'avi-fauna, sono le maggiori avversità da contenere. Contrastare l'erosione del suolo, ripulire i boschi, ripristinare muretti a secco e sentieri, sono attività talvolta indispensabili per migliorare gli accessi ai nostri appezzamenti per: la bonifica, la coltivazione, la produzione di foraggio o l’esbosco. Qui non si cucina né carne né pesce, nemmeno per gli ospiti [tendenzialmente vegetariani e vegani] che accogliamo nei limitati spazi agrituristici. Non si fuma! Destinazione sconsigliata ai fumatori e alle persone che soffrono di solitudine o detestano i luoghi poco vivaci. Il campo di ricezione telefonica non è eccellente, quando non ci sono intoppi di carattere tecnico è fruibile il wi-fi. Oltre all’italiano si parla: francese, spagnolo e inglese.
Piccola azienda agricola a conduzione familiare sulle colline del basso Piemonte all'interno di Avolasca, un paesino sui Colli Tortonesi (a metà fra Genova e Milano). Coltiviamo soprattutto vigna con produzione di vino, ma anche orto e attività agrituristica di ristorazione durante il fine settimana. Siamo una coppia italiano/belga e quindi più aperti ad ospitare un/a WWOOFer straniero; abbiamo un figlio nato nel 2002. Ospitiamo in un monolocale con cucina e bagno privato, generalmente almeno a pranzo si mangia insieme. Non è possibile fumare in casa e per gli animali bisogna accordarsi prima, a disposizione una bici e per gli spostamenti una linea di bus che però è ferma la domenica. Per la collaborazione è necessario essere un po’ versatili dato che abbiamo attività diverse fra loro. Siamo disponibili per una permanenza fino ad minimo 1 mese. Lingue parlate: inglese, francese e olandese.
Sono Anna, questo luogo è nato da una scelta di vita. Ho smesso di vivere da milanese tecnologica chiusa in una stanza a creare video pubblicitari. Ho studiato permacultura e agricoltura rigenerativa. Ho cercato un pezzo di terra che mi sembrasse adatto e costasse poco. E ho iniziato nel 2014 la mia transizione. Avevo 54 anni. Tre figli meravigliosi. E una gran voglia di vivere una vita più vera. Da ragazza avevo partecipato alle creazione di un ecovillaggio in Argentina gestito da un gruppo di teatro di ricerca. Sapevo che potevo vivere in un posto isolato, frugalmente. Ho iniziato a coltivare ortaggi e ora il mio orto è di circa 2000 mq e ogni anno che passa è sempre più ricco di vita e produce verdure molto apprezzate dai sostenitori che le comprano, principalmente a Milano. Cerco persone che vogliano condividere questa esperienza, fatta di lavoro, di relazione umana, di resilienza, di cultura e arte. Se scegli di venire mi piacerebbe che ti fermassi qualche settimana, dopo una prima settimana di prova. Si lavora principalmente l'orto dove vengono utilizzati solo attrezzi manuali (tanta grelinette) Si preparano anche macerati e stiamo iniziando a produrre soluzioni di microorganismi locali. Non sono vegetariana ma non mangio quasi mai carne. L'alimentazione è naturalmente basata sulle verdure dell'orto! Cuciniamo a turno e volentieri. Sono a dieci minuti in bicicletta dal centro del paese e dalla stazione dei treni. Ma qui c'è una gran pace, siamo vicini a un bosco e si vedono stellate bellissime. Nel weekend vengono spesso a trovarmi amici dai dintorni o dalle città. Volentieri accolgo persone di culture e lingue diverse, so parlare un po' di inglese e di spagnolo.
Siamo Erica (1983), Matteo (1982) e Leonardo (2008), alleviamo ovini e asini in una piccola realtà a conduzione familiare in Val Borbera. La cascina è indipendente, immersa nel verde a 5 min dal paese fornito di mezzi pubblici, poste e negozi. Dopo avere viaggiato alcuni anni ci siamo innamorati della nostra terra d'origine ed abbiamo scoperto come si può vivere in armonia con quello che ci circonda e di ciò che si produce. Ci piacerebbe arricchirci attraverso il confronto, lo scambio di saperi e la condivisione di emozioni dei viaggiatori. Alleviamo allo stato semibrado; diamo mangimi privi di OGM, no latte in polvere agli agnelli. Il latte delle nostre pecore è trasformato da una cooperativa nel formaggio Montébore (presidio Slow Food). Utilizziamo gli asini per soma e passeggiate a sella con i bimbi e nell'orto come trazione animale. Gestiamo vigne di varietà autoctone. A pochi passi da noi scorre il torrente, cristallino ed impetuoso sotto imponenti ripe dove si alternano pozze balneabili, rapide e cascate. Da qui partono vari itinerari ed escursioni sui selvaggi Appennini. I WWOOFers saranno coinvolti in tutte le attività della nostra cascina: parti delle pecore (gen/feb), mungitura, pascolo (mar-nov), lavorazione terra con trazione animale (ott/mag), raccolte e trasformazioni nell'orto, trekking, manutenzione vigne, fattorie didattiche (apr/giu, laboratori di feltro, telaio e filatura della lana che sarò lieta di approfondire con voi) Vi ospiteremo in tenda propria, stiamo finendo una casetta che in caso di maltempo può già essere utilizzata. Condivisione di pasti e di spazi comuni. Chiediamo collaborazione per cucinare e pulizie. I cibi consumati, tra cui carne, sono per la gran parte di nostra produzione. Nessun problema con vegetariani. Preferiamo periodo di permanenza medio-lungo. Parliamo spagnolo e inglese scolastico.
Da una decina di anni abbiamo intrapreso un percorso di recupero su alcuni ruderi e piccoli terreni nelle langhe in stato di abbandono. L’ “antica aja” sarà per ancora qualche anno in autocostruzione e il suo lento restauro è coerente ai criteri della bioarchitettura. Non bisogna dunque aspettarsi la tipica villa di Langa già perfettamente restaurata coi fiorellini freschi in un enorme bagno, ma piuttosto un complesso di case rurali al limite dell’agibilità, con un solo bagno ricavato da un piccolo sottoscala adiacente alla cucina. Al momento verrete ospitati in due stanze di un’abitazione di campagna dove viviamo anche noi ed avremo la cucina e un piccolo bagno in comune (le porte e le finestre non sono completamente ermetiche ma per l’inverno abbiamo molte coperte!). Sono quasi sempre io solo in azienda e qualche volta ho dei parenti stretti che mi danno una mano o mi sostituiscono quanto sono assente, ma purtroppo loro non parlano lingue straniere (ed io solo un po' di inglese e francese). Il periodo più stimolante per voi è da fine aprile a metà ottobre, dove di certo non ci sarà il rischio di annoiarsi , anche perché nelle giornate più calde la sveglia è intorno alle 5.30! Qui vicino c’è un bel microbirrificio facilmente raggiungibile a piedi, per il paese più vicino serve invece un’oretta. Essendo un po’ isolati, è il posto ideale per chi ha bisogno di un periodo introspettivo con la Natura e gli Elementi! Al momento l’interesse per voi ospiti dovrebbe ruotare appunto sulle pratiche forse oggi un po’ “preistoriche” della gestione manuale della vigna (mani, zappa, falcetto) e sul confezionamento manuale delle bottiglie di vino. Occasionalmente potremmo realizzare insieme una nuova parte di agriturismo, a partire dalla tintura di calce e latte per la stanza dove verrete ospitati!